Non esiste alcuna soluzione militare contro l'estremismo violento​

Luca Gervasoni
Luca Gervasoni Barcelona, Spain 1 Comments
9 SignaturesGoal: 1,000

Mentre piangiamo per Parigi, i nostri pensieri e simpatie si dirigono alle vittime della guerra, del terrorismo e della violenza. La nostra solidarietà e amicizia va a tutti coloro che vivono e subiscono violenze: in Mali, in Libano, in Siria, Libia, Iraq, Congo, Birmania, Palestina, Nigeria e altrove. Il terrorismo, sia da un governo o un'organizzazione, é un'aberrazione. Uccide la speranza. Uccide gli esseri umani. Deve fermarsi. Dobbiamo fermarlo.

L'estremismo deve essere superato. Noi siamo in vera solidarietà con le vittime in tutto il mondo. Allo stesso tempo, siamo preoccupati, che la solidarietà verso le vittime di estremismo violento venga utilizzata come catalizzatore per ripetere vecchi errori e risposte naufragate: attaccare militarmente, incrementando la violenza piuttosto che prendere provvedimenti che affrontino i problemi reali e potrebbero aiutare a porre fine al terrorismo e rompere il ciclo della violenza.

Negli ultimi decenni, molti dei nostri governi sono stati al centro di una serie di guerre disastrose e interventi militari che hanno portato devastazione in gran parte del Nord Africa e del Medio Oriente. Hanno contribuito ad aumentare, e non diminuire, le minacce alla nostra sicurezza, nonché la sicurezza e la stabilità delle persone nella regione. L'eccessivo affidamento sugli attacchi militari e sulle risposte armate alimenta le rimostranze, incoraggia la violenza e mina la pace. Ciò che serve invece sono soluzioni sociali e politiche reali e misure concrete per porre fine alla violenza e agli attacchi armati. Le capacità militari sono poco adatte per affrontare le cause e le dinamiche della violenza. L’evidenza è chiara: i processi politici e di costruzione della pace, che risolvono i problemi di governance inclusiva, soddisfano le esigenze delle persone e danno reali garanzie di sicurezza a tutti sono più efficaci degli interventi militari e dei bombardamenti per ridurre e terminare l’estremismo violento e il terrore.

Nonostante questo, stiamo nuovamente osservando i governi ricorrere a risposte armate e attacchi militari - causando ulteriori morti di civili, distruzione di infrastrutture in comunità già devastate dalla guerra, e riducendo la sicurezza per tutti. Investimenti e sprechi in operazioni militari stanno costando molto alle nostre società, mentre quasi nulla é stato investito in reali misure pratiche e necessarie per porre fine ai conflitti e sostenere lo sviluppo, la gestione, le esigenze umanitarie e i diritti umani. Gli enti civili stanno vedendo i loro mandati espansi ma senza il sostegno minimo necessario per affrontare l’impennata di bisogni umanitari, figuriamoci le esigenze di sviluppo e governance.

Noi, firmatari di questa dichiarazione, le organizzazioni ei cittadini di tutto il mondo, richiediamo un nuovo approccio, realistico e responsabile per superare l'estremismo violento e il terrorismo. È urgente. Stiamo compiendo uno sforzo concreto per porre fine a una realtà che sta causando tanto dolore, e al fallimento delle politiche che peggiorano i conflitti piuttosto che risolverli. Invitiamo i cittadini e i leader in tutto il mondo ad agire per:

1. Un impegno diretto e costante per porre fine a tutte le guerre, le occupazioni militari e le invasioni in ogni dove. Questo manca, e la sua assenza è il combustibile della guerra, del terrorismo e della violenza. Quest’impegno deve includere sforzi diplomatici autentici e dedicati così come il supporto reale e significativo ai movimenti pacifisti cittadini che lavorano per porre fine alle guerre e la violenza nei loro paesi, impedire il reclutamento e facilitare il distacco da gruppi violenti, promuovere l'educazione alla pace, superare narrazioni estremiste e promuovere la riconciliazione , la dignità e il rispetto per tutte le persone e le comunità. La costruzione della pace offre una risposta più realistica, pragmatica, efficace e responsabile per superare la violenza, il terrorismo e la guerra.

2. Promuovere attivamente il rispetto delle credenze e delle diversità delle persone: La religione è raramente l'unico fattore che spiega l'ascesa dell'estremismo violento. Nessuna religione è un'entità monolitica. Le motivazioni religiose sono di solito intrecciate con quelle socio-economiche, politiche, etniche e relative all’identità. La religione può intensificare i conflitti o essere una forza del bene. E 'il modo in cui le credenze e le ideologie sono esercitate che fa la differenza. I credenti e le persone di tutte le fedi e ideologie dovrebbero essere incoraggiate a impegnarsi attivamente nella ricerca della pace attraverso le differenze per costruire un futuro migliore e più sicuro per tutti.

3. Promuovere la qualità, la pubblica istruzione e l'accesso alla cultura: l’istruzione e la cultura sono di vitale importanza per lo sviluppo umano. I governi hanno bisogno di capire il legame tra istruzione, cultura, occupazione e opportunità, rimuovere gli ostacoli e facilitare la mobilità sociale e la connettività. Gli educatori religiosi devono offrire alle persone una solida base non solo per quanto riguarda la propria religione, ma anche per i valori universali e la tolleranza.

4. Promuovere una governance inclusiva e i diritti umani: l'estremismo violento prospera in situazioni dove c'è una scarsa o debole gestione del governo, o in cui il governo è visto come illegittimo. Se tali condizioni persistono, le lamentele sono spesso lasciate inascoltate, e le frustrazioni possono essere facilmente incanalate nella violenza. Prevenire e contrastare l'estremismo violento richiede ai nostri governi di essere aperti, inclusivi e responsabili, di rispettare i diritti delle minoranze e di promuovere un autentico impegno per la messa in pratica dei valori democratici e dei diritti umani.

5. Superare la povertà: Quando l’esclusione sistematica crea ingiustizia e umiliazione, si può produrre una miscela tossica che permette all'estremismo violento di prosperare. Abbiamo bisogno di dedicare risorse per affrontare i fattori di rimostranze, come ingiustizia, emarginazione sociale e disuguaglianza economica, disuguaglianze di genere attraverso la programmazione e le riforme incentrate sulla partecipazione dei cittadini nella governance, stato di diritto, le opportunità per le donne, le opportunità di istruzione, la libertà di espressione e di trasformazione dei conflitti.

6. Indirizzarsi verso l’ingiustizia globale: La stragrande maggioranza degli estremismi violenti si trovano nel contesto di conflitti radicati e irrisolti, dove la violenza genera violenza. Numerosi studi hanno documentato circoli viziosi e autodistruttivi di vendetta, economie di guerra e "culture della morte” in cui la violenza diventa uno stile di vita. I governi, i cittadini e le organizzazioni internazionali devono fare tutto quanto in loro potere per rompere le situazioni di stallo politico-istituzionale che impedisce che i conflitti vengano risolti. Dobbiamo smettere di sostenere le occupazioni militari, dobbiamo interrompere gli accordi per le armi con i paesi che sistematicamente violano i diritti umani, dobbiamo essere in grado di offrire risposte concrete alla crisi e mostrare una corretta solidarietà: compresa la fornitura di risposte umanitarie concrete alla crisi dei rifugiati siriani e la garanzia delle esigenze di sicurezza e protezione per tutte le persone.

7. Relazioni bilaterali basate sui diritti: rispettare gli impegni basati sui diritti assunti dal governo in tutte le relazioni bilaterali. Tutta l'assistenza offerta dai nostri governi ad altri Stati per contrastare o prevenire l'estremismo violento deve sottolineare e garantire la tutela dei diritti umani, la sicurezza dei cittadini e la giustizia uguale secondo legge e garantire metodi ed approcci di promozione della pace.

8. Concludere il commercio di morte: il commercio di armi con i paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, la fornitura continua di armi ai paesi che li utilizzano contro i propri cittadini o per gli attacchi armati in altri paesi, le milizie di rifornimento e la guerra devono essere fermati. Chiediamo un arresto completo del commercio di armi e una revisione dei codici di condotta e degli accordi di conformità per garantire che gli Stati e le imprese stiano mantenendo le loro responsabilità di non vendere armi ai paesi che li utilizzano contro i civili, o a organizzazioni che potrebbero utilizzarle in attacchi terroristici.

Siamo l'inizio di un Movimento globale di Cittadini in tutto il mondo dedicato a superare il terrorismo, il terrore della guerra e le uccisioni di stato - e non ci fermeremo. Stiamo chiedendo a voi - Cittadini, Governi, Organizzazioni, Persone di tutto il mondo - di unirvi a noi. Noi, firmatari di questa dichiarazione, chiediamo una nuova risposta - Una risposta basata sul rispetto per la dignità e la sicurezza di ogni essere umano; Una risposta basata su modi intelligenti ed efficaci per affrontare i conflitti; Una risposta basata sulla solidarietà, la dignità e l'umanità. Ci impegniamo a organizzare una risposta, un invito all'azione. La sfida è urgente.

Primi firmatari:

Association des Marocains in France

Association Marocaine des Droits Humains

Association Mauritanienne des Droits de l’Homme

AssoPace Palestina in Italia

Coordination Maghrébine des Organisations des Droits Humains

Forum Marocain pour la Vérité et la Justice

Institut de Drets Humans de Catalunya

Iraqi Civil Society Solidarity Initiative

Ligue Algérienne pour la Défense des Droits de l'Homme

Ligue Tunisienne des Droits de l’Homme

NOVACT International Institute for Nonviolent Action Barcelona

Peace Action Training and Research Institute of Romania

Palestinian Centre for Human Rights

PAX Netherlands

1

Comment

9

Signatures